DMT E NEUROSCIENZE

Perché la Psicoterapia Espressiva integrata alla DMT può aiutarti …

La Danza Movimento Terapia (DMT) utilizzata nel contesto di una Psicoterapia permette di creare un ambiente accogliente ed empatico nel quale la persona si sente accolta e compresa. In questo setting avviene infatti un “rispecchiamento” tra paziente e terapeuta (realizzato attraverso il movimento e altri elementi pre-verbali), che richiama quel dialogo senso-motorio tra madre e bambino nei primi due anni di vita. Questo dialogo mette in “relazione” gli emisferi destri dei cervelli di paziente e terapeuta, come fu un tempo tra madre e bambino. L’emisfero destro è quello intuitivo, emotivo, creativo; la sua attivazione, all’interno della relazione terapeutica, promuove la regolazione delle emozioni e l’affinamento della competenza sociale, poiché è in grado di modificare i circuiti cerebrali.

La moderna PsicoNeuroEndocrinoImmunologia (PNEI) ci informa che i circuiti cerebrali (network) possono essere modificati per tutto l’arco dell’esistenza, grazie alla neurogenesi (la possibilità di generare nuovi neuroni) e alla plasticità (cambiamento strutturale dei neuroni e dei circuiti in risposta all’esperienza). La Neurogenesi e la plasticità sono stimolate dal continuo apprendimento, da corretti stili di vita, dall’esercizio fisico e da attività che promuovono il benessere psicologico, come la psicoterapia.

In considerazione di quanto sopra, la Psicoterapia Espressiva integrata alla DMT, utilizzando codici espressivi preverbali (così come tra madre e bambino nell’infanzia), permette di creare un ambiente empatico e accogliente e promuovere la crescita psicologica e la risoluzione del disagio di varia natura.

Gruppo A.M.A.

Associazione Porte Aperte

 

Tra le varie iniziative realizzate in accordo con la sua mission, Porte Aperte organizza un gruppo di Auto Mutuo Aiuto nell’ambito della salute mentale. Secondo la definizione maggiormente conosciuta e accettata …

I gruppi di auto e mutuo aiuto sono strutture di piccolo gruppo , a base volontaria, finalizzate al mutuo aiuto e al raggiungimento di scopi particolari. Essi sono di solito formati da pari che si uniscono per assicurarsi reciproca assistenza nel soddisfare bisogni comuni, per superare un handicap comune o un problema di vita oppure per impegnarsi a produrre cambiamenti personali o sociali desiderati […]” (Katz e Bender, 1976, 5).

I gruppi AMA si basano sulla convinzione che il superamento di una particolare condizione di disagio possa essere facilitato dal confronto e dalla condivisione  con persone che hanno lo stesso problema; inoltre il gruppo diventa occasione per uscire dall’isolamento e stringere rapporti interpersonali. Il gruppo AMA di Porte Aperte di Ravenna si avvale della presenza di uno psicologo.

Il gruppo AMA di Porte Aperte, completamente gratuito, si riunisce tutti i lunedì dalle 16:00 alle 17:30 a Ravenna, in Via Sansovino 57.

Per ulteriori informazioni e adesioni si prega di contattare Porte Aperte :

Beppe Donna – 345 9078000

Sito web: porteaperteravenna.wordpress.com/home/

N.B.: IL GIORNO E L’ORARIO DEGLI INCONTRI POTREBBERO VARIARE. PER INFORMAZIONI VI PREGHIAMO CHIAMARE IL NUMERO SOPRA INDICATO. GRAZIE.

 

 

DMT e Parkinson

Giornata mondiale del Parkinson (SuperAbile INAL)

Il potenziale terapeutico della danza nei soggetti affetti dal morbo di Parkinson

Malattia di Parkinson. La complessità nell’approccio terapeutico come risorsa per l’efficacia

Dance as Therapy for Individuals with Parkinson Disease- Tratto da : NLM logo

Ravenna Parkinson

 

Studi sull’efficacia della DMT

  • Parkinson – Progetto Danza e Malattia di Parkinson (descritto nella tesi Movimento, gesto emozione, 2017) di Alessandra Venuti. Il progetto è stato realizzato con la collaborazione del gruppo di lavoro del Prof. Fabrizio Stocchi dell’IRCCS San Raffaele Pisana di Roma e si è svolto presso l’Associazione Azione Parkinson di Roma. Si noti che questo laboratorio, benché progettato e condotto da una danzatrice, è stato realizzato con una metodologia sotto molti aspetti simile a quella della Danza Movimento Terapia. Sono stati eseguiti test in entrata e in uscita, per valutare l’efficacia del trattamento. I risultati ottenuti mostrano un miglioramento della condizione iniziale pre-trattamento. [Disponibile al link: http://www.azioneparkinson.it/wp/wp-content/uploads/2017/05/Laboratorio-di-danza.pdf
  • Parkinson – Studio controllato randomizzato del 2018 di Michels et al., 2018, Dance Therapy” as a psychotherapeutic movement intervention in Parkinson’s disease”. Sono stati riscontrati miglioramenti soprattutto in riferimento ai parametri presi in considerazione nella sezione III della scala MDS-UPDRS (Esame motorio). [PMID:30219460- DOI: 10.1016/j.ctim.2018.07.005  disponibile al link: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30219460]