La Teoria Polivagale in breve

“Brevemente, le teoria di Porges afferma che tre sottosistemi di energia neurale di base sostengono lo stato complessivo del sistema nervoso autonomo e dei suoi comportamenti, emozioni e percezioni emergenti. Il più primitivo di questi tre sistemi, il sistema dorso-vagale, ha avuto origine circa 600 milioni di anni fa […]. La funzione di questo sistema primitivo è l’immobilizzazione, la conservazione metabolica e il complessivo spegnimento. Il suo target sono gli organi interni, viscerali. Lo stadio successivo dello sviluppo evolutivo è il sistema nervoso simpatico. Questo sistema di arousal globale si è evoluto a partire dal periodo rettiliano di circa 400 milioni di anni fa. La sua funzione è la mobilizzazione e l’incremento dell’azione (come nell’attacco o nella fuga); il suo target nel corpo sono gli arti. Infine, il terzo sistema, […] (che ha origine a partire da circa 200 milioni di anni fa), esiste solo nei mammiferi, e in particolare nei mammiferi sociali comparsi più recentemente (da circa 100 milioni di anni). Questo sottosistema neurale mostra il suo più alto livello di affinamento nei primati, dove media i comportamenti sociali complessi e di attaccamento. Utilizza il ramo ventrale del sistema nervoso parasimpatico, il cosiddetto nervo vago intelligente o dei mammiferi […]. Porges ha adeguatamente denominato questo tipo di funzione integrata come sistema di coinvolgimento sociale.”

Tratto da:

Le Applicazioni cliniche della teoria polivagale, di S.W. Porges, D. Dana (a cura di),Giovanni Fioriti, Roma, 2020 (pp. 23-24).

Dettagli sul sito dell’Istituto Clinico di Psicoterapia Polivagale